Nessun commento.

LA VERITA’ NON VA DETTA , VIENE CENSURATA ,NON SI PUO’PARLARE DELLE MORTI SUICIDE CAUSATE DAL GOVERNO DEL RIGORE, DELL’USURPATORE MONTI , CHIAMATO DA LUI STESSO”” LACRIME E SANGUE””” E SEMPRE DA LUI IMPOSTOCI SU VOLERE DELLA MERKEL.

 .
NESSUNO DI NOI, HA DIMENTICATO QUANDO DISSE,CON CINISMO   RIFERENDOSI AI MOLTEPLICI SUICIDI, CHE  GIORNALMENTE  RIEMPIVANO LE CRONACHE  DEI NOSTRI QUOTIDIANI,  CHE  QUELLI CHE AVVENIVANO  IN ITALIA ERANO INFERIORI A QUELLI CHE AVVENIVANO IN GRECIA…. NON SO SE UN  PRESIDENTE DEL CONSIGLIO , SE E’ UN VERO UOMO , POSSA SCENDERE TANTO IN BASSO …..
Monti una cosa giusta potrebbe farla,indennizzare moralmente tutti quei morti, semplicemente gettandosi nel Tevere con un bel masso legato con una corda al collo…….
IL GRANDE UOMO  UOMO  CHE HA VOLUTO INCUTERE   TIMORE  E RIGORE  ORA   VUOLE FARE IL
PATETICO………  FINALMENTE HA QUELLO CHE SI MERITA ……..
E’ veramente triste vedere un Mario Monti piagnucoloso mentre accusa il Governo Letta di inginocchiamento di fronte al PDL. Ma dove era lui quando presero gli accordi di governo? Si era imbucato per avere potere e i Ministri del Governo che aveva erano ben più di quel che meritava. Il fatto vero è che si è reso conto che l’interesse per l’ Italia manifestato dalla fiducia accordata dal PDL in Parlamento gli ha fatto capire che conta come il 2 di coppe quando regna bastoni.
Ben diverso era il suo atteggiamento quando piegava al volere di Napolitano attraverso il suo Governo gli stessi partiti che ora reggono le sorti d’Italia LA DIFFERENZA? la differenza è che al suo posto c’è Letta e al Ministero del Lavoro non c’è più la sua anima nera Fornero. Tutti quei morti suicidi che secondo lui erano il prezzo da pagare per la rinascita, tutti quei lavoratori a spasso non pesano certo sulla sua coscienza. Invece di blaterare dovrebbe dare le dimissioni da senatore visto che ha fallito il suo compito oppure, se possiile, il Presidente Napolitano dovrebbe revocarne la nomina, allora si che si farebbe qualcosa di giusto!

Tags:  , , , , ,

Related Posts:

Lascia una risposta